2S
Home > Analisi > Analisi

Analisi

Articoli di questa rubrica


Laicità dello Stato, eguaglianza uomo-donna, autonomia della ragione dalla fede

Ipazia, o della laicità (Analisi)

di Michele Martelli da MicroMega
venerdì 14 maggio 2010
Il film di Amenábar, ambientato nel IV secolo eV, oltre ad illustrare in maniera efficace come la fede (tutte le fedi) sia di gran lunga peggiore della ragione e come il cristianesimo sia da sempre religione interessata al potere, presenta alla nostra attenzione problemi che sono ancora oggi di grande attualità: a) il rapporto tra Stato e Chiesa; b) l’autonomia della ragione dalla fede; c) l’eguaglianza giuridica uomo-donna.

"Fanatismo religioso, disprezzo del libero pensiero e rogo di libri proibiti, talvolta con i loro autori, sono stati una costante della passata storia della Chiesa. Che, pur messa alle corde dal moderno processo di secolarizzazione, tuttora continua però a ritenersi, come il suo santo Cirillo, depositaria della Verità di Dio."



La prima guerra mondiale costò la vita a più di mezzo milione di meridionali.

4 Novembre: festa delle forze armate o lutto nazionale? (Analisi)

Ironicamente le terre allora liberate sono quelle dove più successo ha la Lega Nord e la sua politica intollerante.
lunedì 10 novembre 2008 di Valerio Rizzo
Il 4 novembre è la ricorrenza per la finta patria chiamata Italia, ma è il lutto nazionale per tutti noi meridionali. Commemorazioni in pompa magna, corone di fiori e comizi in quasi tutti i comuni d’Italia e prima fra tutte: la cerimonia all’Altare della Patria con i rappresentanti massimi delle (...)


Un anniversario passato sotto silenzio

60 anni fa nasceva la CasMez un provvedimento pro-Sud che ha fatto straricco il Nord (Analisi)

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno dell’8 agosto 2010
domenica 1 maggio 2011

Commento redazionale: Interessante articolo per un anniversario passato sotto silenzio, Capecelatro e Carlo avevano previsto allora in un loro scritto (Le recenti misure dello Stato a vantaggio del Sud, appendice al loro saggio Contro la questione meridionale. Ediz. Samonà e Savelli, 1972) l’inutilità dell’azione governativa, annacquata dagli interessi dell’industria settentrionale che non voleva competizione in casa propria, una lettura che consigliamo a tutti. Secondo l’articolo che segue vi furono aspetti positivi e aspetti negativi, ad una prima fase di miglioramento delle infrastrutture meridionali seguí poi lo sfruttamento e lo sperpero dei soldi pubblici grazie alla corruzione da parte di ditte del nord. Complessivamente, dice l’articolo, furono spesi 140 miliardi di euro. Sarebbe interessante sapere - e mai nessuno ce lo dice - quanti miliardi furono spesi per infrastrutture e opere similari in quel periodo nel resto d’Italia, noi crediamo molti di piú.



Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 541462

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito Analisi   ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License