2S
Home > Analisi > Analisi

Analisi

Articoli di questa rubrica


Analisi del Vice Presidente del Partito del Sud

Come te movi te fulmino! Ovvero… il sesso degli angeli, ovvero… la sindrome berlusconiana, ovvero… il “maccartismo” nel meridionalismo! (Analisi)

di Andrea Balía
martedì 13 settembre 2011
Come te movi te fulmino! Ovvero… il sesso degli angeli, ovvero… la sindrome berlusconiana, ovvero… il “maccartismo” nel meridionalismo! Titolo lungo, apparentemente complicato e slegato, ma frutto di riflessioni concatenate, legate anche al Partito del Sud che rappresento, al momento, nella (...)


Il pericolo di inculcare superstizioni acriticamente sin dalla culla

Root of evil: il virus della fede (Analisi)

Richard Dawkins (Video)
mercoledì 31 agosto 2011
Root of evil: il virus della fede Richard Dawkins (Video) In inglese - sottotitolato in italiano In English Italian subtitles


Enough is enough

L’illusione di Dio - The God Delusion (2006) (Analisi)

Richard Dawkins (Video)
mercoledì 31 agosto 2011

Religione: La radice di tutto il male...

Non vedo che futuro possa avere il mondo, se la gente ragiona cosí, e continuerà a pensare cosí, finché verrà educata sin dalla culla, a pensare ci sia qualcosa di buono nella fede, pensando che sia giusto credere solo perché ti è stato detto di credere, piuttosto che credere perché hai visto le prove. ... Siamo tutti atei della maggior parte degli dei in cui la società ha sempre creduto. Alcuni di noi semplicemente aggiungono un ulteriore dio alla lista. (R. Dawkins)



Chiesa e Massoneria: Il solito gioco dei ruoli tra poteri forti

La tonaca e il compasso (Analisi)

di Angelo d’Orsi - Da Il Fatto del 28 agosto 2011
domenica 28 agosto 2011

Chiesa e massoneria sono due sistemi di potere in competizione - entrambi strutturati per ottenere privilegi e favori a spese dei cittadini.

Dall’articolo: "... si è trattato, perlopiú, di un gioco di ruoli, nel quale, di fatto, due poteri apparentemente non formalizzati nella società, si contendevano l’egemonia, spesso arrivando a intese, queste sí sotterranee, se non a veri e propri accordi formali."

"Pur ostentando spesso una reciproca ostilità, la Chiesa cattolica e la Massoneria
italiana non si sono mai pestate i piedi, ma sono state soprattutto attente
a spartirsi le sfere di influenza."



I borbonici del nuovo millennio...

Se il sud si sveglia diciamogli «borbonico» (Analisi)

di Lino Patruno - da La Gazzetta del Mezzogiorno 24 giugno 2011
sabato 25 giugno 2011
Se il sud si sveglia diciamogli «borbonico» di LINO PATRUNO Proprio non ci vogliono stare. Tutti quelli abituati a un Sud dello “sconfittismo”, del “dolorismo”, del “perditismo”, del “lacrimismo”. Appena il Sud alza la testa c’è súbito qualcuno, anche al Sud, che gli dà sulle mani. Stai buono lí e non ti (...)


Religione e scienza sono incompatibili, specialmente tra i biologi

Gli scienziati credono in dio? (Analisi)

di Daniele Raimondi [17 giu 2011] - da CronacheLaiche.it
lunedì 20 giugno 2011
La religiosità legata all’ignoranza?

"Hallahmi e Argyle osservano che alcune religioni, tra cui spicca il cattolicesimo, hanno una rigida e autoritaria struttura gerarchica, che storicamente ha preteso obbedienza piuttosto che promuovere lo sviluppo del libero pensiero. «In addition, some religious traditions (e.g. Roman Catholic) are quite hierarchical and authoritarian, and in the past at least have required obedience rather than critical thinking, and taught that innovation and independence were not welcome"».



A proposito di "lucidità intellettuale"

Raffaele Lombardo e il pesce d’aprile (Analisi)

di Augusto Cavadi - da Cronache Laiche 11 giugno 2011
lunedì 13 giugno 2011
Nota redazionale: Spesso riportiamo articoli da Cronache Laiche, perché generalmente ben documentati e condivisibili, questa volta però dobbiamo notare che - proprio sul Mezzogiorno - si cade nei soliti luoghi comuni e nella solita disinformazione. Una caduta di stile (e di qualità) che speriamo solo temporanea per gli amici di Cronache Laiche.
E meno male che l’articolo comincia con l’autoproclamazione della (propria) lucidità intellettuale… dopodiché questa però deve essere andata a farsi un giretto, altrove…. L’autore (che si dichiara meridionale e "almeno da un’angolazione non inferiore ai padani") critica Pino Aprile (i cui dati sono basati su precisi riferimenti documentali) sulla base di alcuni “fogli provvisori” di tale Livio Ghersi che – come tanti prima di lui – taccia Aprile e chi la pensa come lui di "meridionalismo demagogico e piagnone", come se riportare dei “fatti” non fosse piú sufficiente se questi non vengono poi interpretati nel modo dovuto (che sia questa la "lucidità intellettuale" a cui si faceva riferimento piú sopra?). Ovviamente, è del tutto vero che “impiegare l’esercito per usare violenza nei confronti della popolazione inerme, non soltanto contraddice elementari sentimenti di umanità, non soltanto denota comportamenti radicalmente anti-cristiani, ma dimostra anche un’enorme stupidità politica, perché ha l’unico effetto di aumentare l’ostilità ambientale”, come non essere d’accordo? Peccato però che – in base ai fatti – successe proprio questo, sempre se oltre alla “lucidità intellettuale” (andata chissà dove) si tiene in conto anche l’”onestà intellettuale” (questa prudentemente neanche citata)…
Cavadi poi – sempre per non ricadere – con Gherzi – nella demagogia da lui stesso citata – potrebbe proficuamente dare un’occhiata al rapporto SVIMEZ “150 anni di statistiche italiane: Nord e Sud 1861-2011”, se non vuole basarsi sui dati di Pino Aprile, e poi vediamo se a fare demagogia sono Cavadi e Gherzi o se è Aprile…

Tra l’altro Gherzi riporta cose vecchie e risapute e che non contraddicono affatto ciò che ha scritto Aprile.

Ovviamente anche noi crediamo che - comunque - Raffaele Lombardo faccia (diversamente da Aprile) solo demagogia (ma non è un po’ demagogico mettere insieme Aprile e Lombardo?) e che i meridionali abbiano senz’altro le loro responsabilità. Tra le quali purtroppo è inclusa anche quella di voler adattare i fatti alla "vulgata ufficiale", come fanno Cavadi e Gherzi.

E poi ci si domanda (sempre in base a questa fantomatica "lucidità intellettuale") perché Gherzi parla di "comportamenti anti-cristiani" quando il cristianesimo, anch’esso, ne ha di cadaveri sulle spalle... ma questa è un’altra storia...



Cristianesimo: una fede imposta attraverso un atto di legge

Culto e potere (Analisi)

di Marina Montesano, da il Manifesto 4 giugno 2011
domenica 5 giugno 2011
La religione cristiana ... «si [è] affermata ... con strumenti ... dell’intimidazione, della costrizione legale, della seduzione e perfino della corruzione morale, della legislazione restrittiva o perfino inibitrice della libertà di coscienza, dell’esibizione della forza militare e della vera e propria violenza».


Amare considerazioni di una candidata meridionalista napoletana

Fare politica per il Sud (Analisi)

Utopia e realtà del meridionalismo contemporaneo
mercoledì 25 maggio 2011
Riceviamo una nota di Annamaria Pisapia, candidata per il Partito del Sud a Napoli nelle elezioni Comunali 2011, nella quale vengono fatte considerazioni amare sullo stato attuale del meridionalismo (e dei meridionalisti), condividere un ideale e lavorare e lottare per esso non è sempre sinonimo di cooperazione o almeno di sostegno, fosse anche solo morale, purtroppo.
Quando al condiviso (si spera) desiderio di progresso e riscatto della nostra patria meridionale si aggiungono inutili orpelli (confessionali, dinastici, ideologici) si creano deleterie divisioni tra quelli che si sono autodefiniti "puri" e quelli che invece diventano cosí automaticamente "impuri", e bisogna fare molta attenzione qui, non sulla base dell’impegno meridionalista, della volontà di operare per il progresso del Sud, ma piuttosto in riferimento a vere e proprie "palle al piede" ideologiche a volte addirittura palesemente e antistoricamente clericali (e che poco hanno a che vedere con il Sud).
Non è quindi una divisione tra coloro che amano il Sud e coloro che non lo amano, ma tra visioni diverse della società meridionale, una legata al passato cristallizzato sia esso pre-unitario o peggio fascista (da non confondere con l’attività di revisione storica del periodo pre-unitario che è di grandissima utilità in prospettiva identitaria) ed una, quella del Partito del Sud, che guarda al futuro con proposte concrete per il progresso del sud. Come sempre, l’imposizione di palle al piede ideologiche e clericali (che si sa, sono lí proprio per creare inutili divisioni) sono sempre state utili ai colonizzatori, divide et impera).


ANALISI

Costi umani ed economici dell’Unità d’Italia per il Sud (Analisi)

di Vincenzo Maida (da Metapontino.it 18 marzo 2011)
martedì 24 maggio 2011
Costi umani ed economici dell’Unità d’Italia per il Sud La vigilia delle celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia in Basilicata, sembra essere diventata un’occasione di dibattito intorno a qualche personaggio di indubbio spessore culturale, ma del quale sono piú note le candidature (...)


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 497769

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito Analisi   ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License