2S
Federalismo criminale. La ’ndrangheta padana esiste e fa affari insieme a quella calabrese

Preso il numero 1 della ’ndrangheta. Ecco i segreti della rete criminale dalla Calabria alla Lombardia

di Roberto Galullo, dal Sole 24 ore 13 luglio 2010
martedì 13 luglio 2010
Tertium datur. La via di mezzo tra l’indipendenza e l’unit?, per la ?ndrangheta, ? il federalismo criminale. La maxi retata di oggi sull’asse Milano-Reggio Calabria in cui ? stato catturato anche il numero 1, Domenico Oppedisano (e non viceversa) testimonia che ormai la ?ndrangheta padana esiste, ? forte e lotta insieme a quella calabrese in un rapporto di "compensazione".

Bastava leggere le ultime due relazioni del sostituto procuratore nazionale antimafia, Roberto Pennisi, per capire che la magistratura si stava avvicinando alla verit? sulla struttura della criminalit? calabrese in Lombardia. Nel rapporto 2009 Pennisi scriveva che "il cordone ombelicale" si era quasi rotto e che la mafia milanese era diventata ormai adulta e indipendente. Nella relazione 2010 Pennisi correggeva il tiro e scriveva invece che il cordone ombelicale era ancora attaccato ma la scala di valori era ormai paritaria: Reggio e l’Aspromonte non comandano pi?, al massimo collaborano. Le decisioni si prendono insieme. E Milano conta, altro che se conta.

Un’evoluzione logica, naturale. Plat?, la capitale armata della ?ndrangheta calabrese, da oltre 40 anni si ? del resto spostata alle porte di Milano, nella ricca e verde Buccinasco, dove le famiglie furono spedite per la sciagurata legge del confino. Da l? hanno dapprima fiutato l’aria e poi, con la forza della violenza e dei soldi accumulati con lo spaccio internazionale della droga, hanno spodestato Cosa Nostra e dettato legge. Negli appalti e nella politica.

Se le famiglie Barbaro e Papalia sono state le prime a capire che gli affari erano al Nord, le altre cosche calabresi ioniche e tirreniche ci hanno messo poco a capire che la via era segnata e il dado tratto. E cos?, nell’indifferenza pressoch? totale della politica e della societ? civile, hanno assediato le province ricche: a partire da Varese (oltretutto a un passo dalla Svizzera, terra di riciclaggio) e Brescia, diventata ormai la capitale di riserva della ?ndrangheta lombarda.

L’operazione giunge al momento giusto perch? negli ultimi due anni, dopo l’omicidio Novella, le cosche calabresi stavano preparando canovaccio e regia per la spartizione dei subappalti milionari in vista di Expo 2015. E poco importa, come sembra disvelare questa indagine, che ci siano mandamenti simili alla struttura siciliana. Quel che conta ? che nella crisi mondiale della societ? e dell’economia, l’unica Spa che sembra non conoscere battute d’arresto ? quella mafiosa. Il colpo di oggi sull’asse Milano-Reggio quantomeno dimostra che lo Stato c’? e batte l’ennesimo colpo.


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 264 / 498096

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito Attualità  Monitorare l’attività del sito Italia   ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License