2S
Ha fatto accordi con la Lega razzista. Non ci rappresenta

Intervista a Pino Aprile: Cosí Bersani ha tradito il Sud

da Italia Oggi - di Emilio Gioventú
martedì 18 settembre 2012

Aprile avverte: stanno nascendo nuove formazioni, non politiche, che riscatteranno il meridione

Aprile avverte: stanno nascendo nuove formazioni, non politiche, che riscatteranno il meridione

Cosí Bersani ha tradito il Sud

Ha fatto accordi con la Lega razzista. Non ci rappresenta

di Emilio Gioventú

Pino Aprile, meridionale e meridionalista, è autore di due libri tra i piú letti al Sud «Terroni» e «Giú al Sud») sulle ragioni, anche storiche della protesta del Mezzogiorno. Ha annunciato che non farà un partito, anche se glielo hanno chiesto in molti, ma un quotidiano, perché, dice, «solo facendo conoscere le proprie ragioni il Sud può decollare».

Sulla testata ci sta ancora lavorando», ma sulla linea editoriale non ha dubbi: «Non sarà un quotidiano del Sud, ma dal Sud che conterrà anche sentimenti, non solo fatti. Insomma, una cosa diversa in un panorama affollato di quotidiani «quasi tutti settentrionali e anche quelli che non lo sono, sono comunque influenzati dal potere della proprietà». Mentre i quotidiani meridionali «spesso sono influenzati dalle linee di potere che fanno capo al Nord».

Domanda. Aprile, nel suo libro «Giú al Sud» lei lascia intravedere segnali di cambiamento, embrioni di un possibile riscatto. Ma quali sono i soggetti in grado di guidare questo cambiamento?

Risposta. Di certo nessuno dei partiti esistenti. Il Pdl è lo zerbino del suo padrone che l’ha fondato con i propri soldi. Il Pd, invece_

D. Invece?

R. Basta dire che in una intervista alla Padania, dopo avere elogiato il sito politico di Bossi, Bersani dice: non serve che mi spiegate che Bossi non è razzista, lo so.
Ecco, Bersani si trova bene con quella gente lí. Dopo quell’intervista ho deciso di non votare mai piú a sinistra. Al di là di ciò che pensa Bersani, Bossi lo dice nella sua autobiografia che usa il razzismo antimeridionale per prendere voti. Deposto Bossi, Maroni ha detto esattamente la stessa cosa. Lo slogan del suo partito è: prima il Nord.
Questo è puro razzismo dichiarato e conclamato. Che significa prima il Nord? Che forse ci sono cittadini piú cittadini degli altri? Bersani va d’accordo con questa gente al punto che invita alla festa del Pd il razzista Roberto Maroni. Come può sperare il Sud di avere una rappresentanza da questa sinistra.

D. Chi allora?

R. Nuovi soggetti politici che si stanno già preparando. Alcuni in maniera «paraculesca», cioè soggetti politici che dentro hanno i germi delle vecchie formazioni meridionaliste. Altri sono nuovi e penso ad alcune formazioni siciliane. Intanto, c’è da prendere atto che cresce la voglia di riscatto. Cresce confusamente come tutte le cose quando nascono, con mille fuochi, mille iniziative spesso quasi sempre in conflitto tra di loro però sono sempre piú numerose. A questo proposito ricordo sempre come esempio il partito del Sud di Antonio Ciano che vinse le scorse elezioni a Gaeta, unica città in Italia non amministrata da uno dei due poli, ma da una lista civica meridionalista e autonoma.

D. Ma perché bisogno dar credito a queste nuove forme di meridionalismo? C’è da fidarsi visto che in Italia circola troppo qualunquismo?

R. Intanto perché gran parte di loro non viene dalla vecchia politica, ma dalla società civile e poi perché ormai è certo che i partiti non sono piú credibili quando parlano di meridione. Quelli di destra non ne parliamo, siamo l’unico paese in occidente che ha associato una formazione razzista, la Lega, al governo. La sinistra è colpevole perché non ha contrastato tutto questo o ha fatto finta di contrastare. Vedi gli accordi per il cosiddetto federalismo fiscale, l’ennesima truffa ai danni del Sud per «fottergli« anche gli ultimi spiccioli, visto che le norme del federalismo fiscale comportavano già dal suo avvio lo spostamento di un altro miliardo di euro dalle regioni piú povere a quelle piú ricche. E tutto ciò è stato concordato con il Pd e con Vasco Errani quando era presidente della conferenza dei presidenti di Regione. Sono piú deluso dalla sinistra perché ci credevo.


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 423 / 375860

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito Attualità  Monitorare l’attività del sito Italia  Monitorare l’attività del sito Due Sicilie   ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License