2S
Chiesa e Massoneria: Il solito gioco dei ruoli tra poteri forti

La tonaca e il compasso

di Angelo d’Orsi - Da Il Fatto del 28 agosto 2011
domenica 28 agosto 2011

Chiesa e massoneria sono due sistemi di potere in competizione - entrambi strutturati per ottenere privilegi e favori a spese dei cittadini.

Dall’articolo: "... si è trattato, perlopiú, di un gioco di ruoli, nel quale, di fatto, due poteri apparentemente non formalizzati nella società, si contendevano l’egemonia, spesso arrivando a intese, queste sí sotterranee, se non a veri e propri accordi formali."

"Pur ostentando spesso una reciproca ostilità, la Chiesa cattolica e la Massoneria
italiana non si sono mai pestate i piedi, ma sono state soprattutto attente
a spartirsi le sfere di influenza."

La tonaca e il compasso

di Angelo d’Orsi

Ieri il direttore di Avvenire, addebitando una campagna mediatica contro la Chiesa alla massoneria, parla di “un film già visto”. Ma di che film stiamo parlando? Antonio Gramsci parlò una sola volta nell’aula della Camera dei deputati, il 16 maggio 1925: si discuteva il disegno di legge Rocco-Mussolini che vietava le “associazioni segrete”. Si disse che era contro la Massoneria: Gramsci colse che si trattava di uno strumento per mettere fuori legge tutte le organizzazioni del movimento operaio, come non mancò di far notare in quel discorso che suscitò violente interruzioni da parte dello stesso Duce, e di qualche suo accolito. “La massoneria è la piccola bandiera che serve per far passare la merce reazionaria antiproletaria”, esclamò quell’oratore dalla voce fioca ma dalla tempra fortissima; e aggiunse: “Coi massoni il fascismo arriverà facilmente a un compromesso”.

FU COSÍ, anche se formalmente le logge furono sciolte dal regime, ma la massoneria italiana non morí; e del resto i finanziamenti di suoi esponenti al movimento mussoliniano erano stati ingenti, e ne avevano favorito l’ascesa al potere.

Certo, emersero due tendenze, una democratica, antifascista, l’altra, filofascista; anche in passato vi erano state nette demarcazioni, arrivando nel 1908 – sulla scottante questione della laicità della scuola – a una scissione mai piú ricomposta.

Peraltro anche nella Chiesa di Roma, dichiaratamente ostile alla Massoneria (e formalmente osteggiata da questa nelle pubblicazioni, piú che nelle pratiche), vi furono, e vi sono, com’è noto, tendenze rivali. Accanto alla Chiesa del “popolo di Dio”, la Chiesa degli umili, dei diseredati, vi è stata sempre l’istituzione gerarchica vicina alle soglie del potere, a sua volta esercitante un potere vero e proprio in tutti gli ambiti della vita sociale. Questa seconda Chiesa, che fu accontentata dal fascismo dopo a sua volta averlo sostenuto, di fatto, non fu mai nemica della Massoneria, quella connessa ai gangli del potere. Se andiamo a sfogliare la pubblicistica cattolica troveremo pesanti atti d’accusa contro i “fratelli” del Grembiule e del Compasso; lo stesso ci accadrà se frugheremo nella stampa o sui siti Web massonici. Ma si è trattato, perlopiú, di un gioco di ruoli, nel quale, di fatto, due poteri apparentemente non formalizzati nella società, si contendevano l’egemonia, spesso arrivando a intese, queste sí sotterranee, se non a veri e propri accordi formali. Ma mentre la Massoneria finiva per ammorbidire la sua condanna della Chiesa, questa, che pure ha lasciato cadere in tempi recenti la scomunica ai cattolici massoni, faceva pesare la sua forza, specie in determinati momenti, tentata da sempre dalla volontà di piegare e se possibile schiacciare quello che piú che nei panni dell’avversario si presentava ormai come il contendente.

ANCORA nel 1983, una dichiarazione (firmata nientemeno da Joseph Ratzinger, allora potente Prefetto della Congregazione per la dottrina della Fede) ribadiva l’incompatibilità dei princìpi massonici con la dottrina della Chiesa e che i fedeli membri di associazioni massoniche non potevano accedere alla santa comunione.

L’opposizione fu sempre motivata non solo dal carattere segreto dell’organizzazione, ma dal laicismo, razionalismo e “relativismo” delle dottrine massoniche, e dal reiterato coinvolgimento, dei “fratelli”, in azioni volte contro la Chiesa stessa e contro i “legittimi” poteri civili.

Oggi, la Chiesa ufficiale, quella del Vaticano e della Cei, è un potente sostegno al potere politico, qui da noi. E davanti a una mobilitazione della pubblica opinione, arcistufa dei privilegi fiscali che quel potere ha concesso al sistema ecclesiastico (una “leggenda nera”, secondo il quotidiano dei vescovi), il tirare in ballo il potere occulto della Massoneria suona a dir poco grottesco. Davvero, come ha scritto Avvenire, si tratta di “Qualcosa che impressiona”.


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 650 / 369319

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito Analisi   ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License