Warning: file_get_contents(/proc/loadavg) [function.file-get-contents]: failed to open stream: Permission denied in /hermes/bosoraweb163/b34/ipg.duesicilieorg/config/ecran_securite.php on line 302
60 anni fa nasceva la CasMez un provvedimento pro-Sud che ha fatto straricco il Nord - [2S]
2S
Un anniversario passato sotto silenzio

60 anni fa nasceva la CasMez un provvedimento pro-Sud che ha fatto straricco il Nord

Dalla Gazzetta del Mezzogiorno dell’8 agosto 2010
domenica 1 maggio 2011

Commento redazionale: Interessante articolo per un anniversario passato sotto silenzio, Capecelatro e Carlo avevano previsto allora in un loro scritto (Le recenti misure dello Stato a vantaggio del Sud, appendice al loro saggio Contro la questione meridionale. Ediz. Samonà e Savelli, 1972) l’inutilità dell’azione governativa, annacquata dagli interessi dell’industria settentrionale che non voleva competizione in casa propria, una lettura che consigliamo a tutti. Secondo l’articolo che segue vi furono aspetti positivi e aspetti negativi, ad una prima fase di miglioramento delle infrastrutture meridionali seguí poi lo sfruttamento e lo sperpero dei soldi pubblici grazie alla corruzione da parte di ditte del nord. Complessivamente, dice l’articolo, furono spesi 140 miliardi di euro. Sarebbe interessante sapere - e mai nessuno ce lo dice - quanti miliardi furono spesi per infrastrutture e opere similari in quel periodo nel resto d’Italia, noi crediamo molti di piú.

NAPOLI – Il tassello meridionale del miracolo italiano fu messo 60 anni fa, il 10 agosto, quando nacque la Cassa del Mezzogiorno. Da un’idea del meridionalista Pasquale Saraceno, la legge 646 del 1950 fu lo strumento dell’intervento straordinario voluto dal governo di Alcide De Gasperi per modernizzare un Sud rimasto pericolosamente indietro, su cui pesava una fortissima disoccupazione.

Trentaquattro anni controversi, nessuno ne ricorda solo una faccia. Impossibile guardare piú ai risultati o ai fallimenti: le grandi opere e «il miracolo», oppure gli investimenti a pioggia e «lo scandalo», nei quali si possono rileggere oggi la storia della trasformazione degli uomini e del paesaggio del Sud Italia.

La Cassa può allora essere descritta attraverso tante immagini. L’acqua che arriva finalmente nelle case e lascia per sempre nel passato le donne con i secchi sulla testa, che camminavano per chilometri fino al pozzo. Le fogne, i ponti e le grandi bonifiche, con la sconfitta della malaria. Il lavoro. I contadini che lasciano la terra, e diventano operai. Le strade che piegano l’asprezza dell’entroterra: anche se l’economista Vera Lutz sostenne che poi servirono alla gente soltanto «per abbandonare i paesini del Sud». Ma ci furono anche dighe inutili che hanno fatto ritirare le spiagge: costruite a tutti i costi, per arricchire imprenditori e amministratori corrotti. Ci furono coste avvelenate dall’industria, a Gela, Taranto, Brindisi e Bagnoli, che non ha mai generato l’indotto atteso. E ci fu il grosso «affare» delle partecipazioni statali e delle cosiddette Cattedrali nel deserto.

I contrasti contraddistinguono la storia della Casmez, nella quale ci sono meriti e, insomma, i veleni del progresso. E quasi tutti i vizi del Paese. La Cassa fu sostenuta anche dalla Banca Mondiale (per lo 0,9%) e dal forte contributo della Bei (che elargí il 49,9% degli investimenti totali).

Nel 1984 fu il governo di Bettino Craxi a deciderne la soppressione: la Casmez fu però sostanzialmente convertita in una erede, l’Agensud, che durò ancora fino al 1993, quando chiuse i battenti sotto il governo di Giuliano Amato. A questa data l’investimento complessivo per il Sud è calcolato in 279.763 miliardi di lire (vale a dire 140 miliardi di euro).

Raccontare la Casmez in modo neutro è stato a lungo, praticamente, impossibile. O «panegirico» o «condanna totale», spiegava Manlio Rossi Doria, affrontando quello che fu il pomo della discordia su cui si scannavano comunisti e democristiani, meridionali e settentrionali. Oggi l’analisi converge sulla bontà, oltre che sulla necessità, dei primi dieci anni di intervento. Ma anche chi la sponsorizzava ammette che, successivamente, dal 1965 in poi, quando cioè la legge 717 la prorogò imbrigliandola nella politica, la Cassa vide e permise l’inizio della «lenta agonia dell’intervento straordinario», nelle parole di un grande storico del meridione, Salvatore Cafiero.

Nella prima fase la Cassa del Mezzogiorno ebbe meriti indiscussi, modernizzando il Sud con grandi opere e investimenti sull’agricoltura. La Banca mondiale pretese che si seguisse il modello della Tennessee Valley Authority, che negli anni ’30 aveva gestito lo sviluppo agricolo industriale della valle del Tennessee. Negli anni ’60, seguendo una diversa missione industriale, produsse 31 mila posti di lavoro nelle industrie di base, 35 mila in quelle meccaniche e di trasporto. Anche su questa divisione dei tempi, però, non tutti si trovarono d’accordo: uno studioso dell’economia meridionale come Augusto Graziani, ad esempio, ha messo in evidenza come la missione industriale non sia stata affrontata subito nel Mezzogiorno per una malcelata intesa fra politica e industria del Nord, che non voleva doppioni nel Paese. Proprio in quella modernità senza vero sviluppo, continua la storia della mai risolta "Questione meridionale". Cosicché, dopo tanti anni, c’è chi come il ministro Giulio Tremonti – proprio un anno fa, parlando di Sud, ha invocato lo scorso anno, il ritorno ad u na nuova "Casmez".

MAROTTA: LE IMPRESE DEL NORD SI PRECIPITARONO SUGLI APPALTI
La gente non aveva l’acqua nella case al Sud, «invece arrivò questo grande fatto dalla Cassa...», racconta innanzitutto un "guerriero" della questione meridionale come Gerardo Marotta. La legge che istituí la Cassa del Mezzogiorno, il 10 agosto del 1950, secondo il giurista napoletano «era quasi perfetta, aveva un difetto grave però: le concessioni».

Se i primi 10 anni della Cassa del Mezzogiorno furono «gloriosi», il fondatore dell’Istituto per gli Studi filosofici non ha dimenticato il resto della storia. Ancora sospira: «Quelle valigette cariche di banconote per corrompere i funzionari di turno, con la compiacenza dei politici corrotti...».

E le dighe inutili, come quella del Menta in Calabria: «Devastarono clima e paesaggio della Magna Grecia».

Passa per la modernizzazione del Mezzogiorno la storia dell’appalto all’italiana. Ne paghiamo oggi le conseguenze: «La lievitazione del debito pubblico, dovuta a un magna magna che raggiunse le dimensioni del disastro». La cassa è, insomma, un capitolo della vicenda che «arriva oggi ai pali eolici».

Alla memoria dell’amministrativista tornano anche «centinaia di contadini» che subirono le espropriazioni: «Li difesi e vinsi, facendo approvare una legge per tutelare i fittavoli. Scrissero con le luminarie, in un paese, "grazie Marotta"».

Trenta anni di opere, investimenti e lotte. «La Cassa fu una grande cosa per il Mezzogiorno – è la sentenza prima dei distinguo – ha fatto acquedotti, fognature in centinaia di comuni. Questa magnifica legge del 1950 prevedeva però che gli enti locali potessero evitare la gara: si potevano dare gli appalti attraverso trattative dirette in concessione».

C’è una postilla storica: «Le concessioni erano regolate da una legge del ’29. All’epoca si giustificò la cosa, sostenendo che il ministro ai lavori pubblici era Mussolini: con la sua ’lungimiranza’ avrebbe scelto le ditte adatte». Al concessionario, continua Marotta tornando alla Casmez, «era possibile trattenere per sé la maggior parte dei soldi»: «Si precipitarono quindi nel Sud le industrie del Nord, che fecero man bassa per la costruzione delle dighe: ne spuntarono dove erano utili e non dove non lo erano. Venivano a costare anche 100 volte piú del dovuto».

Fu un sistema «nefasto»: «Un porco, con la protezione della politica, poteva avvicinare i presidenti delle comunità montane e ottenere le concessioni. Trafficanti venivano da tutto il Paese con le valigie piene di soldi per corrompere i funzionari della Cassa. Una volta andai là con Adriano Buzzati Traverso: uno scienziato che voleva costruire un think tank. Quando vide tutte quelle valigette, mi disse "Marotta andiamocene, questo non è ambiente per noi"».

«Inoltre a poco a poco – continua il racconto – i concessionari capirono che potevano impadronirsi anche della fase della progettazione. Andai da diversi professori universitari, per segnalare il problema: mi risposero di non fare il don Chisciotte».

Colse bene il problema Pasquale Saraceno, che denunciò «il blocco sociale»: «Burocrati, politici e imprenditori corrotti, camorra e ’ndrangheta». E le industrie portate dalla Cassa, che produssero migliaia di posti di lavoro? «Mia madre era di Taranto – è la conclusione della testimonianza – hanno dato posti di lavoro, distruggendo però una città bellissima. E oggi la gente deve vedersela con il cancro».


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 1383 / 356328

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito Analisi   ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.11 + AHUNTSIC

Creative Commons License