2S

2S

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001
website security
Per contatti relativi all’associazione:
associazione [at] duesicilie.org
Noi sosteniamo Roberto Saviano.
Hosted By Arvixe

Articoli più recenti


Articoli più recenti


Sabato 8 settembre a Bari - Sala Consiliare

Comunicato Stampa del Comitato Appello a Pino Aprile

Per un Movimento che abbia a cuore gli interessi delle Terre del Sud
giovedì 6 settembre 2012
COMUNICATO STAMPA Sarà una data importante per il Sud, il prossimo Sabato 8 settembre a Bari, L’8 settembre, in effetti, è una data che evoca la caduta morale dell’Italia e allo stesso tempo la necessità di una svolta profonda, che faccia uscire il Mezzogiorno dal torpore e della marginalità degli (...)


Vi siete mai chiesti perché l’Alfa si chiama Romeo?

La storia nascosta di Nicola Romeo, fondatore dell’Alfa

Dal blog "Briganti"
sabato 1 settembre 2012 di Valerio Rizzo

Grazie ad uno studioso, Carmine De Marco, autore del libro "La conquista e la colonizzazione del Meridione d’Italia", è emerso il motivo per cui un imprenditore napoletano decise di acquistare un’azienda fallita. Più che per libera scelta, infatti, fu costretto...



Il colonialismo continua da 152 anni

La sconcertante storia dell’azienda materana Anthill

Dal blog "Briganti"
sabato 1 settembre 2012 di Valerio Rizzo

Vi ricordate le parole di Carlo Brombini, primo governatore della Banca d’Italia, del 1862? Disse testuali parole: "Il Mezzogiorno non dovrà piú essere in grado di intraprendere". Be’, pensando a queste parole vi racconterò la storia di Anthill.



Opinioni - L’irrazionalità dell’economia

Non si contratta lo spread con la natura

di Luca Mercalli - da La Stampa del 23 agosto 2012
giovedì 23 agosto 2012

"La «spending review» tanto oggi di moda dovrebbe dunque includere anche le risorse fondamentali da cui dipendiamo, suolo, acqua, energia, biomassa, carico inquinante."



Dala Lombardia alla Toscana dall’’85 al ’90 - Oggi restano i tumori

Racconto choc: «Rifiuti tossici dal Nord, così è nata Gomorra»

di Rosaria Capacchione - da Il Mattino 18 agosto 2012
martedì 21 agosto 2012
NAPOLI - La differenza l’ha fatta il Fattore C. Ma l’origine è la stessa. Coincide, la genesi dell’emergenza, con la crisi dell’apparato industriale che aveva assicurato lo smaltimento dei rifiuti organici e industriali. In Lombardia e in Toscana il corto circuito fu provocato dalla diossina e dalla (...)


Si preannuncia una "Al Qaeda" cattolica?

11 settembre 2001 - 22 luglio 2011... la storia si ripete con colori diversi

da Civiltà Laica, di Francesco Saverio Paoletti (25-7-11)
domenica 19 agosto 2012
È di ieri la notizia dello sventato attentato nella Repubblica Ceca e dell’arresto di un giovane che stava preparando un attentato ispirandosi all’estremista di destra norvegese Breivik. Per tutto il "periodo Bush-fallaciano" in buona parte dell’occidente si era diffusa l’idea di un’Europa identitaria che si ispirava a radici cristiane, le quali sembravano ignorare i diritti umani, ma venivano comunque dipinte come latrici di amore per il prossimo in contrapposizione allo stragismo terrorista degli islamici. Breivik ruppe tale visione, ma qualcuno corse ai ripari dicendo che si trattava di un caso isolato diffondendo ed esaltando la storia (sulla cui autenticità tra l’altro ci sarebbero anche dei dubbi) per cui tra i suoi obiettivi ci fosse anche B16: un po’ come per tentare di dimostrare che egli era totalmente estraneo al pianeta cristiano ma fosse solo un alieno piombato sulla terra.

A poco più di un anno di distanza si presenta il secondo episodio di quella che potrebbe diventare una nuova saga del terrorismo religioso (tutto di matrice nostrana), e chissà che un giorno non si organizzeranno in una "Al Quaeda" cattolica!

Si ripropone un’interessante analisi, dal sito Civiltà Laica, di circa un anno fa ma ancora attuale...



Passaparola con Pino Aprile

Lassú al Sud

dal blog di Beppe Grillo - Intervista a Pino Aprile
venerdì 17 agosto 2012
"Gli ultimi dati dell’Unione delle Camere di Commercio mostrano che tra le nuove aziende la più alta percentuale è meridionale, il 31%. Non solo: le nuove aziende create da giovani con meno di 35 anni sono in grandissima parte meridionali. Se si fa una classifica delle province in cui nasce il maggior numero di aziende a opera di giovani, i primi posti vedono province meridionali. Al primo posto c’è Enna. Per aziende che nascono a opera di donne la classifica vede ai primi posti solo città meridionali. È vero che questo succede perché non avendo alternative, non avendo possibilità di trovare lavoro, i giovani, le donne del Sud, se lo creano, ma è vero anche che la capacità dei giovani meridionali di creare economia in maniera innovativa è notevole." Pino Aprile.


Recensione di: Dove va l’Italia?

Edward Luttwak: meglio un Sud indipendente

Intervista a Edward Luttwak, di Gianni Perelli - Newton & Compton, 1997
sabato 4 agosto 2012 di duesicilie
Edward Luttwak è membro del CSIS Center for Strategic and International Studies di Washington (vedasi anche la critica al report del CSIS: Italy times Two), politologo esperto di problemi italiani. In questa intervista vengono trattati alcuni aspetti che riguardano il sud Italia. La posizione di Luttwak è particolarmente interessante, ed in alcuni versi addirittura controcorrente. Certamente la sua posizione sembra differire notevolmente da quella del report del CSIS citato.

L’intervista copre diversi aspetti della realtà italiana, secondo Luttwak. Si parte da Maastricht e si continua con: Ulivo, Polo, Rifondazione, Centro, Secessione, Giustizia, Riforme, Economia, Nord e Sud, Turbocapitalismo, Politica estera, Difesa, Immigrazione, Chiesa, Mafia, Cultura, Egoismo, Edonismo, per finire con: Italia e USA. Si riportano di seguito alcuni brani dell’intervista riguardanti il Sud Italia. L’articolo è riproposto dal nostro vecchio sito, è del 1997 ma ancora attuale.



A proposito della possibile "discesa in campo" di Pino Aprile

L’importanza dell’esempio

Giuseppe Di Vittorio e Napolitano
lunedì 23 luglio 2012 di Guglielmo Di Grezia
In questi giorni si sta giocando il futuro del meridionalismo. Se malauguratamente Pino Aprile non dovesse accettare la proposta di scendere in campo, formalizzata da Marco Esposito, credo che non ci sarà altra cosa da fare che darsi a qualche hobby, anche se, probabilmente, per alcuni (...)


Per un movimento che abbia a cuore gli interessi delle Terre del Sud.

Lettera aperta a Pino Aprile

Partito del Sud, L’Altro Sud, per il Sud e Insieme per la Rinascita
venerdì 20 luglio 2012

Riceviamo dal Partito del Sud... anche la nostra associazione ha sottoscritto l’appello.


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 375625

Monitorare l’attività del sito it    ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License