2S

2S

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001
website security
Per contatti relativi all’associazione:
associazione [at] duesicilie.org
Noi sosteniamo Roberto Saviano.
Hosted By Arvixe

Articoli più recenti


Articoli più recenti


Quorum raggiunto

Vittoria dei sí ai referendum

Risultati parziali
lunedì 13 giugno 2011 di duesicilie
Vittoria dei sí nei quattro referendum con ampio margine (95% - dati provvisori), unico problema era quello di raggiungere il quorum, cosa che non era mai accaduta nel caso dei referendum proposti negli scorsi 16 anni. Il quorum si è attestato su poco piú del 57%, il che mette al riparo da (...)


Quando si scambia informazione con appropriazione

Comunicato Stampa del Movimento Neoborbonico

Cancelleranno ogni riferimento alla Nazionale delle Due Sicilie dal loro sito
lunedì 13 giugno 2011
Nostro commento redazionale: Di seguito il Comunicato Stampa del Movimento Neoborbonico, in risposta al nostro di ieri (Attività ASD Nazionale Calcio Regno Due Sicilie), che annuncia che non pubblicizzerà piú gli eventi della Nazionale (quasi fosse una punizione), ci dispiace, anche perché c’è una bella differenza tra "pubblicizzare" degli eventi e invece far credere che siano cose "proprie" come del resto tale Movimento aveva piú volte dichiarato esplicitamente...

Noi pure abbiamo spesso pubblicizzato eventi dei neoborbonici (e di altre associazioni e movimenti, cosa che continueremo a fare), nessuno però, chissà come mai, ha mai pensato si trattasse di attività nostre, saremo migliori comunicatori? Chi lo sa...

Comunque meglio sempre la chiarezza...



Mostra d’Arte

I giorni dei briganti. Oli e carte

Vigevano: Palazzo Roncalli, Sala Sofia 16-19 giugno 2011
lunedì 13 giugno 2011

Riceviamo e volentieri pubblichiamo



A proposito di "lucidità intellettuale"

Raffaele Lombardo e il pesce d’aprile

di Augusto Cavadi - da Cronache Laiche 11 giugno 2011
lunedì 13 giugno 2011
Nota redazionale: Spesso riportiamo articoli da Cronache Laiche, perché generalmente ben documentati e condivisibili, questa volta però dobbiamo notare che - proprio sul Mezzogiorno - si cade nei soliti luoghi comuni e nella solita disinformazione. Una caduta di stile (e di qualità) che speriamo solo temporanea per gli amici di Cronache Laiche.
E meno male che l’articolo comincia con l’autoproclamazione della (propria) lucidità intellettuale… dopodiché questa però deve essere andata a farsi un giretto, altrove…. L’autore (che si dichiara meridionale e "almeno da un’angolazione non inferiore ai padani") critica Pino Aprile (i cui dati sono basati su precisi riferimenti documentali) sulla base di alcuni “fogli provvisori” di tale Livio Ghersi che – come tanti prima di lui – taccia Aprile e chi la pensa come lui di "meridionalismo demagogico e piagnone", come se riportare dei “fatti” non fosse piú sufficiente se questi non vengono poi interpretati nel modo dovuto (che sia questa la "lucidità intellettuale" a cui si faceva riferimento piú sopra?). Ovviamente, è del tutto vero che “impiegare l’esercito per usare violenza nei confronti della popolazione inerme, non soltanto contraddice elementari sentimenti di umanità, non soltanto denota comportamenti radicalmente anti-cristiani, ma dimostra anche un’enorme stupidità politica, perché ha l’unico effetto di aumentare l’ostilità ambientale”, come non essere d’accordo? Peccato però che – in base ai fatti – successe proprio questo, sempre se oltre alla “lucidità intellettuale” (andata chissà dove) si tiene in conto anche l’”onestà intellettuale” (questa prudentemente neanche citata)…
Cavadi poi – sempre per non ricadere – con Gherzi – nella demagogia da lui stesso citata – potrebbe proficuamente dare un’occhiata al rapporto SVIMEZ “150 anni di statistiche italiane: Nord e Sud 1861-2011”, se non vuole basarsi sui dati di Pino Aprile, e poi vediamo se a fare demagogia sono Cavadi e Gherzi o se è Aprile…

Tra l’altro Gherzi riporta cose vecchie e risapute e che non contraddicono affatto ciò che ha scritto Aprile.

Ovviamente anche noi crediamo che - comunque - Raffaele Lombardo faccia (diversamente da Aprile) solo demagogia (ma non è un po’ demagogico mettere insieme Aprile e Lombardo?) e che i meridionali abbiano senz’altro le loro responsabilità. Tra le quali purtroppo è inclusa anche quella di voler adattare i fatti alla "vulgata ufficiale", come fanno Cavadi e Gherzi.

E poi ci si domanda (sempre in base a questa fantomatica "lucidità intellettuale") perché Gherzi parla di "comportamenti anti-cristiani" quando il cristianesimo, anch’esso, ne ha di cadaveri sulle spalle... ma questa è un’altra storia...



Comunicato Stampa

Attività ASD Nazionale Calcio Regno Due Sicilie

La nazionale di tutto il Sud
domenica 12 giugno 2011 di duesicilie
COMUNICATO STAMPA In relazione ad alcune notizie apparse in rete nonché a riferimenti nel libro di Lino Patruno “Il Fuoco del Sud” (pag. 33) che includono tra le attività del Movimento Neoborbonico anche la ASD Nazionale Calcio Regno Due Sicilie si precisa, esclusivamente per correttezza di (...)


Folkloristiche parate di buffoni...

I giullari del Sud

di Vincenzo Labanca
venerdì 10 giugno 2011
I GIULLARI DEL SUDIl Sud, il nostro amato Sud, nella sua gloriosa e millenaria esistenza ne ha viste e passate di tutti i colori, ma quello che sta subendo e passando negli ultimi tempi credo sia davvero il fondo del fondo di un pozzo senza fine che a tutto giova tranne a chi dovrebbe giovare. (...)


La lettera riservata

L’Europa boccia il governo sul piano del Sud

di Marco Palombi - da Il Fatto Quotidiano del 7 giugno 2011
martedì 7 giugno 2011
Taglio delle tasse e Piano per il Sud. Ormai Silvio Berlusconi s’è convinto che saranno questi i provvedimenti con cui riconquistare elettori. Riguardo al famoso progetto per il Mezzogiorno, che sia un bluff non è (solo) il parere dell’opposizione, ma quello del commissario europeo per le Politiche (...)


chiuse a lavare panni gratis agli ordini delle suore cattoliche

Le 30 mila lavandaie-schiave d’Irlanda

di Alessandra Baduel - da La Repubblica 4 giugno 2011
domenica 5 giugno 2011
Nostro commento: Il papa in Croazia esalta di nuovo i "valori cattolici", dure parole contro burocratismo e cultura razionalistica sono echeggiate anche quando, nel discorso piú impegnativo della sua prima giornata, quello rivolto al mondo universitario riunito nello straordinario e preziosissimo scrigno del Teatro Nazionale Croato, Joseph Ratzinger ha affermato che "la crisi dell’Occidente non ha rimedio e l’Europa è destinata all’involuzione se la coscienza viene ridotta all’ambito del soggettivo, in cui si relegano la religione e la morale". Cioè, nel pensiero del Papa teologo, l’Occidente muore se relega la religione nel privato.

La Croazia quindi deve entrare in Europa, ma, secondo il papa, contribuendo ai "valori spirituali e morali che hanno plasmato per secoli la vita quotidiana e l’identità personale e nazionale dei suoi figli, forte di questa sua ricca tradizione". Non è mancato, da parte di Benedetto, l’invito a "ricordare le radici cristiane dell’Europa": un fatto, ha affermato, "necessario, anche per la verità storica". Niente da stupirsi per una Chiesa che ha santificato Stepinac " l’Arcivescovo del genocidio."

Chissà perché, però, la "verità" della Chiesa "dimentica" sempre, e convenientemente, alcuni fatti (o meglio crimini) storici (ma anche recenti), come quello nell’articolo che segue. Ma è veramente accettabile che una istituzione come quella cattolica, la cui storia è costellata di abusi (anche sessuali), violenze, crimini, genocidi, e che ancora oggi non riconosce la carta dei diritti dell’uomo, e che perdipiú ha nascosto e protetto in maniera omertosa (proprio questo papa) i propri membri dediti alla pedofilia, si arroghi poi il diritto di dare lezioni di etica e moralità, di parlare di valori?



Cristianesimo: una fede imposta attraverso un atto di legge

Culto e potere

di Marina Montesano, da il Manifesto 4 giugno 2011
domenica 5 giugno 2011
La religione cristiana ... «si [è] affermata ... con strumenti ... dell’intimidazione, della costrizione legale, della seduzione e perfino della corruzione morale, della legislazione restrittiva o perfino inibitrice della libertà di coscienza, dell’esibizione della forza militare e della vera e propria violenza».


Prima che la Lega "scappi con la cassa".

A Motta S. Lucia divampa il “Fuoco del Sud”

Intesa tra movimenti meridionalisti
domenica 5 giugno 2011 di Valerio Rizzo
MOTTA S. LUCIA (CZ) – Non chiamate i pompieri! L’incendio è di natura culturale! Proprio cosí, nel paese alle propaggini della Sila Piccola, immerso nella lussureggiante vegetazione, si sono incontrate decine di “focolai” che in questi anni stanno divampando nelle regioni meridionali. Ma il (...)

Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 497879

Monitorare l’attività del sito it    ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License